• 22 Maggio 2024

Che cos’è un indirizzo IP statico? Ecco perché non ne hai bisogno

indirizzo IP statico
Condividi su:

Un indirizzo IP statico è un indirizzo che non cambia mai. Gli indirizzi IP dinamici cambiano. Spieghiamo perché non hai bisogno di un indirizzo IP statico.

Ogni computer e dispositivo su una rete ha un indirizzo IP (Internet Protocol), che si tratti di Internet globale o del Wi-Fi di casa. È solo un numero che dice ad altri computer come può essere raggiunto.

A volte, vuoi che il tuo computer abbia un indirizzo IP statico. Ad esempio, se stai cercando di configurare un server web. In questo articolo, spiegheremo perché un IP statico è una cattiva idea, cosa usare invece per il tuo server domestico e perchè potrebbe ancora non funzionare anche dopo che tutto è stato configurato correttamente!

Indirizzi IP pubblici e privati

Prima di parlare di IP statici, è importante distinguere tra IP pubblici e quelli che possono essere utilizzati solo su reti private.

Il tuo provider di servizi Internet (ISP) assegna un indirizzo IP pubblico al tuo router in modo che possa far parte di una più ampia rete Internet pubblica, mentre il tuo router assegna indirizzi IP interni privati ​​ai dispositivi all’interno di casa.

Il tuo indirizzo IP pubblico è quello che il mondo vede e ogni connessione Internet, sito Web o dispositivo connesso al Web. Se chiedi a Google “What is my IP address?”, Ti dirà qual è il tuo indirizzo IP pubblico, come ti è stato fornito dal tuo ISP (sebbene se stai utilizzando una VPN, questo proverrà invece dal tuo provider VPN ).

I tuoi IP interni privati ​​vengono utilizzati solo sulla tua rete domestica. Anche se hai un solo computer, avrà un indirizzo IP privato assegnato dal tuo router. Gli indirizzi IP privati ​​non possono essere instradati su Internet e sono strettamente per uso privato. Sembrano esattamente uguali però: quattro numeri, ciascuno da 0 a 255, con un punto in mezzo.

Ci sono alcuni possibili intervalli di indirizzi IP privati, ma per la maggior parte degli utenti domestici questo sarà 192.168.*.* o 10.0.*.* (dove * può essere qualsiasi cosa).
Il tuo stesso router ha anche un indirizzo IP interno, probabilmente 192.168.0.1 . I tuoi computer di casa potrebbero quindi essere qualsiasi cosa nell’intervallo da 192.168.0.2 a 192.168.0.254 . La maggior parte dei router assegnerà semplicemente gli indirizzi interni in base all’ordine di arrivo.

Il primo computer che colleghi al router invierà una richiesta di rete che dice “Ho bisogno di un indirizzo IP” e riceverà 192.168.0.2 . Il dispositivo successivo riceverà 192.168.0.3 e così via.

Gli IP della tua rete domestica possono essere modificati, dal momento che controlli il tuo router. Il tuo indirizzo IP pubblico, d’altra parte, non è generalmente qualcosa che puoi cambiare: ti viene fornito automaticamente dal tuo provider Internet.

Che cos’è un indirizzo IP statico?

La maggior parte degli IP (privati ​​o pubblici) sono dinamici, il che significa che cambiano come e quando necessario. Mentre sei connesso al router, di solito non cambia. Ma se riavvii il router, potrebbe. Un indirizzo IP statico (noto anche come indirizzo IP fisso o dedicato) è proprio come suggerisce il nome: un indirizzo che non cambia, anche se si riavvia.

La verità è che quasi certamente non hai bisogno di un indirizzo IP pubblico statico e, anche se sei sicuro di farlo, un server DNS dinamico sarebbe una scelta migliore. Questi servizi ti danno un nome di dominio mappato sul tuo router di casa e, se il tuo IP cambia, si aggiornano automaticamente.

Sulla rete domestica, invece, puoi fare quello che vuoi, gratuitamente. Se vuoi configurare uno dei tuoi computer o dispositivi con un IP statico, puoi farlo. Quindi diamo un’occhiata al motivo per cui potresti volere un IP privato statico per il tuo PC di casa e poi ti mostrerò il modo molto migliore di configurarlo.

Perché dovrei aver bisogno di un indirizzo IP privato statico?

Ci sono molte ragioni per cui potresti voler eseguire il tuo server a casa. In passato, avevi bisogno di un indirizzo IP privato statico per un computer se cercavi di eseguire un server aperto a Internet. Per esempio:

Server Web fai da te

Per configurare un server web sulla tua rete domestica che sia accessibile a chiunque nel mondo, devi inoltrare le richieste in arrivo sulla porta 80 a qualsiasi computer che fa da server web. Ma se il tuo computer dovesse riavviarsi, otterrebbe un nuovo IP dal router. La regola di port forwarding creata per inviare richieste sulla porta 80 al vecchio indirizzo IP del computer non funzionerebbe più. Il tuo sito Web sarebbe offline, anche se il tuo server stesso potrebbe essere funzionante. Hai bisogno di quell’IP per rimanere lo stesso.

Retro Gaming

Con alcuni router e console di gioco meno recenti, era necessario inoltrare determinate porte per poter giocare a giochi multiplayer online. I router moderni includono un sistema chiamato Universal Plug’n’Play , che imposta automaticamente le regole di port forwarding quando necessario.

Server di stampa

I sistemi Windows precedenti si connettevano a una stampante in rete utilizzando un indirizzo IP configurato manualmente al momento dell’installazione. Se questo indirizzo cambiasse, non saresti più in grado di stampare. Le stampanti moderne utilizzano invece un sistema di denominazione delle trasmissioni.

Svantaggi di un indirizzo IP statico

Gli IP statici devono essere configurati manualmente e possono causare errori. Sarà necessario apportare alcune modifiche alla configurazione del router e tenerne traccia nel caso in cui si sostituisca il router o si cambi ISP.

Configurazioni errate possono causare più errori di conflitto di indirizzi IP . Ad esempio, se imposti una delle tue macchine sull’indirizzo IP 192.168.0.10 e il tuo router continua a distribuire indirizzi IP automaticamente, è possibile che a un’altra macchina venga assegnato lo stesso IP.

Cosa dovresti usare invece: Indirizzi riservati

Invece di dover configurare manualmente le impostazioni su ogni PC a cui vogliamo assegnare un indirizzo IP statico, “riserveremo” semplicemente l’indirizzo che vogliamo che venga fornito dal sistema di indirizzi IP automatico del router. In questo modo, garantiamo che le nostre macchine abbiano un indirizzo IP che non cambierà mai, il tutto senza assegnare effettivamente un indirizzo IP statico.

Le istruzioni su come eseguire questa operazione variano a seconda del produttore e del modello del router.

In generale, nella configurazione del tuo router, cerca una sezione denominata Configurazione DHCP o LAN. Quindi trova una sezione sulle locazioni statiche o sulle informazioni sulle locazioni riservate .

Ci sono due o più campi che devono essere compilati per aggiungere una nuova prenotazione di indirizzo IP. Il primo è l’indirizzo MAC hardware (sei coppie di caratteri alfanumerici), che è unico per ogni dispositivo nel mondo. Il secondo è l’IP che desideri assegnare o riservare.

Dovresti essere in grado di vedere il tuo indirizzo MAC nell’elenco dei “locazioni” correnti. Un contratto di locazione si riferisce all’indirizzo che il router ha fornito automaticamente al tuo dispositivo. Potresti anche avere solo una schermata che mostra una panoramica dei dispositivi attualmente collegati.

Nell’esempio seguente, abbiamo aggiunto una prenotazione DHCP per il dispositivo con l’indirizzo MAC E0:CB:4E:A5:7C:9D , attualmente con IP 192.168.0.10 .

Indirizzi riservati

Puoi riservare un indirizzo IP diverso da quello che ha attualmente, ma dovrai riavviare il dispositivo affinché il nuovo indirizzo abbia effetto.

Questo è tutto! Puoi mantenere le stesse regole di routing speciali e, se un dispositivo o un server si riavvia, gli verrà semplicemente assegnato lo stesso IP la prossima volta.

Perché il tuo server continua a non funzionare: CGNAT

Quindi hai creato un nome DNS dinamico, impostato un indirizzo IP riservato sulla tua rete domestica e inoltrato le porte giuste al tuo server domestico. Ma ancora… niente funziona. Nessuno può accedere al tuo server.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che abbiamo esaurito gli indirizzi IP e ora ne stai condividendo uno con i tuoi vicini.

In un mondo ideale, gli ISP darebbero a ogni cliente il proprio indirizzo IP pubblico univoco (anche se dinamico). Ecco come stavano le cose. Sfortunatamente, Internet ha presto raggiunto il limite del numero di IP pubblici disponibili . Semplicemente non ce n’erano più da distribuire. È qui che entra in gioco la traduzione di indirizzi di rete Carrier-Grade (CGNAT) e perché non è più possibile per molti di noi ospitare server instradabili a casa, anche se si dispone di un IP statico o riservato correttamente impostato sul router.

CGNAT significa che stai ricevendo un doppio instradamento. Invece di un IP pubblico per un cliente, ora hai un IP pubblico per molti clienti. Il tuo ISP ha aggiunto un altro router alla fine e non puoi configurarlo. Puoi comunque inviare richieste a Internet e recuperare pacchetti di informazioni, ma non puoi più eseguire un server perché tutti i pacchetti in entrata che non vengono riconosciuti vengono semplicemente scartati dal tuo ISP.

Se ti trovi in ​​questa situazione, hai ancora alcune opzioni. Dovresti prima contattare il tuo ISP e dirgli che hai bisogno di un indirizzo IP instradabile pubblicamente. Potrebbero consentirti di rinunciare a CGNAT, chiedere maggiori dettagli sul motivo per cui ne hai bisogno, dire che è impossibile o dirti di passare a un pacchetto business. Non esiste una regola universale qui, quindi dipende dal tuo ISP. Se ciò non funziona, puoi utilizzare un servizio VPN che offre IP dedicati , che costa circa $ 70/anno.

No, probabilmente non hai bisogno di un IP statico

La maggior parte delle applicazioni al giorno d’oggi non richiede la configurazione di un indirizzo IP interno. Tutto avviene automaticamente, in background. Ma se hai bisogno di un IP statico interno, dovresti invece usare un indirizzo riservato.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Instagram: come diventare un influencer di successo

Leggi Prossimo

TikTok per le aziende: Tutto quello che devi sapere

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial