• 22 Maggio 2024

Migliaia in piazza contro le restrizioni di Internet russe

internet in Russia

in piazza contro le restrizioni russe

Condividi su:

Migliaia in piazza contro le restrizioni di Internet russe : oltre 15.000 persone protestano a Mosca dopo che il governo russo si è impegnato a rafforzare il controllo di Internet.

La legislazione destinata a rafforzare i controlli di Internet in Russia, ha richiamato migliaia di manifestanti sulla strada di Mosca nel fine settimana.

La legislazione è già stata approvata dai legislatori russi, ma deve passare attraverso un paio di altre fasi prima che diventi legge.

La Russia non è l’unico paese che cerca di rafforzare i controlli online, con un certo numero di paesi occidentali che stanno già implementando controlli più severi . Il Regno Unito per esempio ha approvato la controversa legge sui poteri investigativi, comunemente conosciuta come la Carta Snoopers’, nella legge del 2016 .

internet in Russia
internet in Russia

Proteste in Russia

I legislatori russi d’altra parte il mese scorso, hanno appoggiato i controlli più rigorosi su Internet, contenuti nella legislazione che ritengono sia necessaria per prevenire l’ingerenza straniera negli affari della Russia.

Secondo la Reuters , i funzionari stanno cercando di aumentare la “sovranità” russa sulla sua presenza su Internet.

La legislazione vuole indirizzare il traffico web russo e i dati attraverso punti controllati dal governo russo.

Il disegno di legge propone inoltre la creazione di un sistema nazionale di nomi di dominio, per consentire a Internet di continuare a funzionare anche se il paese è isolato dalle infrastrutture straniere.

Il progetto di legge è stato anche approvato nel parlamento russo nella prima lettura su tre. Una seconda lettura avrà luogo a marzo, e se passerà di nuovo, la camera alta del parlamento dovrà firmarla, prima che il presidente Vladimir Putin la stampi ufficialmente.

Ma circa 15.300 persone hanno protestato durante il fine settimana a Mosca e, secondo quanto riferito, hanno fatto discorsi su un palcoscenico e hanno scandito slogan come “no all’isolamento”.

“Se non facciamo nulla, andrà peggio. Le autorità continueranno a seguire la loro strada e il punto di non ritorno sarà passato “,

ha detto il manifestante di 28 anni Dmitry, che ha rifiutato di dare il suo nome completo a Reuters.

Le autorità di Mosca hanno affermato che la protesta ha coinvolto solo 6.500 persone e che si è verificato un certo numero di arresti.

Altre proteste autorizzate si sono svolte nelle città di Voronezh e Khabarovsk. Una protesta non autorizzata ha avuto luogo a San Pietroburgo.

Controlli della Russia

La Russia dovrebbe essere ricordato ha già vietato l’uso dell’ app di messaggistica Telegram nel paese.

Tale decisione è stata presa dalle autorità russe dopo che l’ app si è rifiutata di fornire ai servizi di sicurezza dello Stato russo l’accesso ai messaggi segreti dei propri utenti consegnando le chiavi di crittografia utilizzate per codificare i messaggi.

Inoltre, il regolatore russo Roskomnadzor (RKN), ha esercitato pressioni su società di social network straniere come Facebook, per archiviare i dati degli utenti su server situati nella giurisdizione russa.

Ha anche approvato le leggi per richiedere ai motori di ricerca di cancellare alcuni risultati di ricerca.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Apple conferma l’evento del 25 marzo, che dovrebbe annunciare un nuovo servizio TV

Leggi Prossimo

Buon compleanno, Internet: il World Wide Web compie 30 anni

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial