• 22 Maggio 2024

Come avviare un’impresa di pronto intervento fabbro

pronto intervento fabbro

pronto intervento fabbro

Condividi su:

Quello del fabbro è uno dei mestieri più antichi del mondo. Tra le mansioni svolte da questo professionista, le più richieste sono:

  • saldare e lucidare i metalli;
  • creare elementi di decoro;
  • forgiare o riparare oggetti in metallo, quali ganci, catene, utensili da taglio;
  • affilare lame;
  • effettuare interventi di installazione, regolazione e riparazione di casseforti.

Ovviamente, un fabbro non si occupa solo della lavorazione del ferro ma anche del bronzo, dell’ottone, dell’acciaio e del rame.

Inoltre, il fabbro deve sapere ascoltare i suoi clienti in modo da capire le loro esigenze; deve anche avere una certa resistenza fisica, visto che lavora a contatto con temperature elevate e spesso deve stare parecchie ore nella stessa posizione.

Come diventare fabbro

Non è necessario frequentare una scuola particolare per diventare fabbro; più che altro, si consiglia di iscriversi a un istituto professionale.

Successivamente si può imparare il mestiere da un professionista, facendo un tirocinio da apprendista. Una volta imparato il mestiere, si può scegliere tra due opzioni, ovvero se continuare a lavorare come dipendente o come titolare di un’attività propria, come quella messa su fabbrofirenzeeprovincia.it, fabbro di Firenze molto attivo nel settore.

Cosa fare per avviare l’impresa di fabbro pronto intervento

Nel caso in cui si decida di creare una propria impresa, occorre affrontare un vero e proprio iter burocratico.

Prima di tutto, bisogna aprire la partita Iva e registrarsi alla Camera di Commercio: questa procedura comporta il versamento di una quota annuale.
Lo step successivo riguarda l’iscrizione all’INPS, che può essere effettuata anche on-line.

Terminate le questioni burocratiche, si può passare a quelle pratiche, come dedicarsi alla ricerca di un laboratorio.

Una volta trovata la location, questa andrà riempita con tutti gli attrezzi e le apparecchiature indispensabili per svolgere la propria attività, come incudini, morse, martelli, trapani verticali, strumenti tecnici vari, flex da banco o manuale.

Le mansioni del fabbro non riguardano solo le riparazioni, ma anche la creazione e la sostituzione di porte blindate, di cancelli in ferro battuto, di serrande, casseforti o ringhiere.

Queste particolari prestazioni richiedono la frequenza costante di corsi di aggiornamento volti a conoscere le novità più attuali riguardanti le attrezzature tecnologiche di recente innovazione.

Se si intende avviare un’ impresa di Pronto Intervento Fabbro, bisogna essere pronti a soddisfare tutte le richieste di clienti che non hanno molto tempo a disposizione.

Inoltre, bisogna tenere in conto di dover rispondere alle numerose chiamate notturne e intervenire per risolvere problemi urgenti, soprattutto se si decide di avviare un’azienda in una grande città, dove non è assolutamente possibile lasciare una serratura rotta per qualche ora, visto l’elevato tasso di delinquenza.

Si tratterà, dunque, di eseguire numerosi interventi d’urgenza fornendo una grande elasticità lavorativa e frequentando continui corsi di aggiornamento per essere in grado di fronteggiare qualsiasi situazione.

I liberi professionisti che decidono di offrire questo servizio ai cittadini si assumono l’impegno di recarsi il più presto possibile nel luogo dov’è richiesto l’intervento di emergenza.

Per di più offrono la loro disponibilità 24 ore su 24, giorno e notte, garantendo un’assistenza immediata e la risoluzione del problema.

Coloro che decidono di avviare un’impresa di fabbro pronto intervento devono essere dotati non solo di forza fisica e manualità ma anche di abilità imprenditoriali, organizzative e possedere conoscenze tecniche all’avanguardia, nonché un’esperienza notevole in questo ambito lavorativo.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

La ricarica ultra rapida Xiaomi carica un telefono in otto minuti a 200 W

Leggi Prossimo

Perché le strade europee non pullulano ancora di auto elettriche?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial