• 22 Luglio 2024

Estrazione dell’oro o mining Bitcoin: qual è più dannosa?

La Cina dichiara illegale il mining
Condividi su:

Sono entrambi beni preziosi, ma entrambi hanno un enorme impatto sul pianeta in cui viviamo. Estrazione dell’oro o mining Bitcoin, quale impatta di più sull’ambiente?

L’estrazione dell’oro avviene da millenni, con individui e aziende che cercano di trarre profitto da questo metallo prezioso a lungo ricercato. Ma oggi, le persone non estraggono solo materiali fisici. Il mining di criptovalute è incredibilmente popolare, con Bitcoin che è una delle monete più redditizie da estrarre.

Tuttavia, entrambi questi processi hanno un impatto sul nostro pianeta. Quindi, qual è più dannoso per l’ambiente: l’estrazione dell’oro o il mining Bitcoin?

L’impatto ambientale dell’estrazione dell’oro

A differenza del mining Bitcoin, l’estrazione dell’oro è attiva da molto tempo. In effetti, si pensa che questa pratica possa essere iniziata già nel 7000 aC fra gli antichi Egizi e i Sumeri. Negli ultimi secoli, con l’avanzare della tecnologia, l’industria mineraria dell’oro è diventata mastodontica e, secondo Business Wire , valeva oltre $ 240 miliardi l’anno scorso. Si prevede che questo numero crescerà fino a oltre $ 249 miliardi entro il 2026, quindi è sicuro che questo mercato ha ancora un futuro stabile.

Tuttavia, l’estrazione dell’oro non è un processo benigno. Poiché comporta lo scavo fisico e l’estrazione di materiali dal sottosuolo, l’estrazione dell’oro può devastare completamente gli ambienti naturali ed è stata fatta così tante volte in passato. Le foreste pluviali del nostro pianeta, ad esempio, hanno sofferto molto a causa dell’estrazione dell’oro. Secondo la Amazon Aid Foundation , la foresta pluviale amazzonica ha rilasciato oltre un milione di tonnellate di carbonio nel 2017 a causa della deforestazione (pari a circa 250.000 emissioni di automobili).

Ma le cose non si fermano qui. L’estrazione dell’oro crea anche enormi volumi di rifiuti tossici contenenti metalli pesanti e cianuro. Brilliant Earth ha scoperto che un solo anello d’oro da 33 once crea 20 tonnellate di rifiuti tossici, che rende l’idea di quanti rifiuti parliamo mensilmente o annualmente. Poiché questi rifiuti vengono spesso scaricati in acqua, l’habitat che circonda una miniera d’oro può soffrire immensamente degli effetti dei soli sottoprodotti. Inoltre, lo scarico di questi rifiuti può avere un effetto devastante sulla vita marina.

Poiché l’estrazione dell’oro coinvolge più processi complessi, anche il suo fabbisogno di elettricità è incredibilmente alto. In effetti, l’estrazione dell’oro consuma 131,9 TWh di energia all’anno. Per mettere questo in prospettiva, un terawatt è uguale a un trilione di watt (o mille gigawatt) e un terawattora (TWh) è un’unità utilizzata per rappresentare l’uso di un trilione di watt in un’ora. La più grande centrale idroelettrica degli Stati Uniti, la diga di Grand Coulee, utilizza solo due gigawatt di energia per alimentare le case di otto milioni di persone all’anno.

La gigantesca quantità di energia necessaria per l’estrazione dell’oro lo rende anche un problema ambientale, e c’è un elenco di ulteriori problemi che lo rendono un problema per il nostro pianeta, tra cui il drenaggio acido, l’inquinamento da mercurio e una diminuzione della biodiversità. Ma l’estrazione dell’oro non è l’unico “mining” che produce effetti devastanti sull’ambiente.

L’impatto ambientale del mining Bitcoin

Poiché il Bitcoin è una risorsa digitale completamente virtuale, potresti chiederti perché dovrebbe essere estratta (o minata) in primo luogo. Il termine “crypto mining” si riferisce al processo di circolazione di nuove monete e alla verifica dei blocchi transazionali completando complesse equazioni matematiche. Quindi, non implica letteralmente l’estrazione mineraria nel senso tradizionale. Il primo Bitcoin è stato estratto nel 2009 dal suo fondatore, Satoshi Nakamoto, e da allora nuove monete hanno continuato ad essere estratte da individui opportunamente chiamati minatori.

Mentre molte criptovalute possono essere estratte, Bitcoin è l’opzione più popolare semplicemente perché la ricompensa per il mining di un blocco è molto alta. Molte persone estraevano da casa , poiché il processo può essere eseguito con pochi componenti hardware, ma per essere profittevoli occorre molta energia e un hardware ASIC altamente specializzato .

Mentre un tempo Bitcoin poteva essere estratto utilizzando hardware più basilari, la concorrenza ora è così diffusa che si può minare con successo solo utilizzando un minatore ASIC, e questi possono essere piuttosto dispendiosi in termini di energia. I minatori spesso lavorano col loro hardware 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per massimizzare le loro possibilità di estrarre un blocco e ricevere la ricompensa. Pensa a quanta energia useresti se lasciassi il televisore acceso tutto il giorno e la notte. Ora, pensa a un hardware specializzato con un consumo energetico più elevato che viene lasciato in esecuzione 24 ore su 24.

È qui che il mining di Bitcoin diventa dannoso per l’ambiente. Oggi, ci sono circa un milione di minatori di Bitcoin attivi in ​​tutto il mondo. Con ognuno di questi minatori che probabilmente lavora giorno e notte, si può solo immaginare quanta elettricità viene utilizzata. Ma il mining non si ferma all’individuo. In tutto il mondo sono state costruite anche enormi mining farm di Bitcoin, contenenti schiere di minatori ASIC, tutti attivi e impegnati nell’estrazione del blocco successivo.

Questa costante necessità di eseguire calcoli ad alta intensità energetica su piccola e grande scala per estrarre Bitcoin gli ha conferito una notevole impronta di carbonio. L’estrazione di Bitcoin attualmente consuma 127,48 TWh di elettricità ogni anno, che non è troppo lontana da quella utilizzata per l’estrazione dell’oro. Inoltre, NRDC stima che una transazione Bitcoin abbia la stessa impronta di carbonio di 330.000 transazioni con carta di credito.

Ma c’è un altro problema associato al mining di Bitcoin, ed è il suo scopo a lungo termine. Sebbene l’oro sia, ed è sempre stato, un metallo prezioso, ha sempre un valore. In effetti, il prezzo dell’oro è attualmente in aumento e vale molte volte quello di qualche decennio fa.

Bitcoin, invece, non ha valore oggettivo. Il suo prezzo è determinato principalmente dalla domanda e dall’offerta e può aumentare e diminuire drasticamente nell’arco di poche ore. Quindi, se un giorno Bitcoin varrà molto poco, o nulla , tutta l’energia utilizzata nel processo di mining sarà stata effettivamente sprecata. È la pura incertezza del futuro del mercato delle criptovalute che mette in discussione la necessità e la moralità del mining.

Bitcoin e miniere d’oro rappresentano entrambi una minaccia per il nostro pianeta

Sebbene l’estrazione dell’oro e il mining Bitcoin possano essere molto redditizie, i processi dannosi e l’enorme quantità di energia che richiedono sono indiscutibilmente problematici e stanno arrecando notevoli danni al nostro ambiente.

Sebbene entrambi differiscano in molti modi, non si può negare che il pianeta stia pagando un prezzo elevato a causa delle industrie di Bitcoin e dell’oro.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Scarica GRATIS il 25 e 26 Giugno questo libro di 486 pagine sul Marketing Digitale!

Leggi Prossimo

Come rimuovere i tag da un post di Instagram in cui non vuoi apparire

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial