• 27 Novembre 2022

Gli scienziati progettano un veicolo spaziale a vapore

Prototipo del veicolo spaziale WINE. Immagine di credito: University of Central Florida.

Prototipo del veicolo spaziale WINE. Immagine di credito: University of Central Florida.

Condividi su:

L’astronave del futuro dovrebbe estrarre acqua dalle rocce spaziali ed usarla per la propulsione a vapore, un vero e proprio veicolo spaziale a vapore. Sembrerà un ferro da stiro gigante?

Gli scienziati hanno progettato un veicolo spaziale con propulsione a vapore, che può saltare da un asteroide ad un altro senza esaurire il carburante.

Secondo il gruppo di ricerca, il veicolo è in grado di estrarre acqua dalle rocce spaziali e può usare quell’acqua per la propulsione a vapore.

Una varietà di sonde spaziali inviate dalla NASA e da altre agenzie spaziali hanno rivelato la presenza di acqua – almeno sotto forma di ghiaccio – su diversi corpi celesti. Ovunque ci sia una crepa profonda o un cratere su un pianeta o una luna, vi è la possibilità di un deposito di acqua ghiacciata al suo interno. E alcuni scienziati planetari credono che tali depositi possano essere usati come combustibile facilmente disponibile per viaggiare nello spazio.

Lo scienziato di ricerca planetaria dell’Università della Florida Centrale (UCF) Phil Metzger ha collaborato con la società spaziale privata Honeybee Robotics of California per sviluppare un veicolo spaziale a vapore, che in teoria non esaurisce mai carburante e può volare per sempre nello spazio.

L’esperimento si chiama World Is Not Enough (WINE).

Honeybee Robotics ha sviluppato un prototipo di veicolo spaziale a vapore WINE, che è stato collaudato nello stabilimento dell’azienda alla fine del 2018.

Il materiale dell’asteroide simulato per l’esperimento è stato fornito dall’UCF, mentre Metzger ha eseguito la modellazione e la simulazione del computer necessarie per l’esperimento.

È fantastico, il WINE ha estratto con successo acqua dal terreno e ne ha fatto propellente per razzi

dice Metzger dei test sui prototipi.

Metzger crede anche che questa tecnologia possa essere utilizzata ovunque ci sia acqua e bassa gravità, come luoghi come la Luna, Plutone, asteroidi, il polo di Mercurio e la luna di Giove Europa.

Il WINE ha le dimensioni di un forno a microonde. È in grado di estrarre l’acqua dalla superficie e può facilmente trasformarla in vapore.

Il veicolo spaziale dispone anche di pannelli solari posizionabili, che aiutano a generare l’energia per l’estrazione e per produrre vapore dall’acqua. Metzger dice che potrebbe anche usare piccole unità di decadimento radioiosotopico per viaggiare nello spazio profondo e raggiungere luoghi molto lontani dal sole.

Finché c’è acqua su un asteroide (o qualsiasi altro corpo nello spazio), il WINE non esaurisce mai il carburante e in teoria può volare “per sempre”.

Il progetto WINE fa parte del programma di ricerca sull’innovazione delle piccole imprese della NASA.

Il progetto è stato uno sforzo collaborativo tra NASA, mondo accademico e industria, ed è stato un enorme successo, le navicelle spaziali di WINE hanno il potenziale per cambiare il modo in cui esploriamo l’universo

afferma Kris Zacny, vice presidente di Honeybee Robotics.

Mi pare un sistema piuttosto avveniristico per spostarsi nello spazio, ma probabilmente abbinato al nucleare o al solare potrebbe davvero funzionare, cosa ne pensate?

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

9 consigli su iPhone per le persone anziane [e non solo]

Leggi Prossimo

3 strategie di link building per aumentare il traffico sul tuo sito web

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial