• 22 Luglio 2024

La transizione ai veicoli elettrici non sarà così rapida

transizione ai veicoli elettrici
Condividi su:

I produttori hanno definito le sfide per la transizione ai veicoli elettrici con una nuova catena di fornitura di batterie, ma le preoccupazioni per gli investimenti, la carenza di materie prime e la mancanza di capacità di rete sono ostacoli che rallenteranno questo processo.

Una nuova ricerca globale commissionata da ABB Robotics e Automotive Manufacturing Solutions ha rivelato che il 59% degli intervistati ritiene che il passaggio alla pura produzione di veicoli elettrici non sia realizzabile entro le attuali tempistiche legislative.

L’indagine ha coinvolto quasi 600 esperti del settore a livello mondiale, provenienti da produttori e fornitori di veicoli a tutti i livelli di gestione, ingegneria e altri professionisti chiave in tutto il mondo automobilistico.

Di questi intervistati, solo l’11% ritiene che la transizione ai veicoli elettrici entro il 2035 sia un obiettivo realistico. Circa il 28% ha affermato che le scadenze siano troppo vicine e il 18% riteneva che gli obiettivi attuali non sarebbero mai stati raggiunti.

Al contrario, l’80% degli intervistati ha affermato che il passaggio a una produzione sostenibile è realizzabile, sebbene impegnativo.

“L’industria automobilistica è profondamente consapevole delle sollecitazioni e delle tensioni necessarie per rispettare i programmi regionali proposti per raggiungere la piena produzione di veicoli elettrici“, ha affermato Joerg Reger, amministratore delegato di ABB Robotics Automotive Business Line.

“L’automazione è fondamentale per rendere la produzione più resiliente, efficiente e veloce per raggiungere questi obiettivi, motivo per cui stiamo assistendo a una forte domanda per i nostri robot specializzati nell’assemblaggio di propulsori per veicoli elettrici. Queste soluzioni riducono radicalmente i tempi di costruzione, migliorano la flessibilità, semplificano ulteriormente il processo di produzione e, in ultima analisi, riducono i costi”.

Gli intervistati hanno citato una serie di ragioni per le loro opinioni. La necessità di adattarsi a una nuova catena di fornitura di batterie, gli elevati livelli di investimento di capitale richiesti, la carenza di materie prime, infrastrutture adeguate e la mancanza di capacità di rete sono stati gli ostacoli più comuni individuati.

La mancanza di infrastrutture di ricarica è stato citato come il principale ostacolo all’adozione dei veicoli elettrici da oltre un quarto (26%) degli intervistati, mentre il 17% ha evidenziato i prezzi elevati dei veicoli come il principale ostacolo alla transizione ai veicoli elettrici.

“Il sondaggio conferma le sfide del settore automobilistico: la produzione è sotto pressione e le catene di approvvigionamento interrotte sono sottoposte a notevole stress”, ha affermato Daniel Harrison, analista automobilistico presso Automotive Manufacturing Solutions.

“Tutto questo pone notevoli sfide alla rapidità con cui l’industria può passare all’elettrificazione e anche obiettivi di sostenibilità della produzione più ampi, specialmente durante un periodo di grande incertezza economica”.

Nonostante le loro basse emissioni di carbonio, i veicoli elettrici sono stati recentemente al centro delle preoccupazioni per quanto riguarda la loro idoneità ai climi freddi.

Il Magazine What Car? ha recentemente testato una dozzina di veicoli elettrici in climi freddi per testare quanto tempo sono stati in grado di guidare prima di fermarsi. L’esperimento ha mostrato che la Funky Cat First Edition di Ora presentava la maggiore discrepanza tra l’autonomia effettiva e quella ufficiale delle auto analizzate, con la Nissan Ariya che si avvicinava di più all’autonomia dichiarata. La Tesla Model Y era al secondo posto.

“Sempre più persone possiedono o stanno prendendo in considerazione auto elettriche, ed è importante che comprendano i pro e i contro di questa tecnologia, soprattutto in termini di quanto è probabile che vadano lontano tra una ricarica e l’altra”, ha affermato Will Nightingale, che guidava la prova di What Car?

Di recente, il Parlamento europeo ha approvato formalmente una legge per vietare effettivamente le nuove vendite di auto a benzina e diesel a emissioni di carbonio entro il 2035, come parte della transizione ai veicoli elettrici. Tuttavia, all’ultimo momento, Germania e Italia si sono tirate indietro…

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

4Dem entra in POSITIVE GROUP: la big company francese del digitale investe in Italia

Leggi Prossimo

Il contenuto e i collegamenti sono la chiave del seo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial