• 25 Giugno 2024

Amazon ha ritirato dal suo store i Libri che promuovono informazioni errate sull’autismo

Amazon

Amazon elimina dal suo store i Libri che promuovono informazioni errate sull’autismo

Condividi su:

Amazon finalmente prende posizione, come fatto da altri colossi del web, rende più difficile documentarsi su questioni prive di basi scientifiche, da poco ha ritirato alcuni libri con informazioni errate sull’autismo e le vaccinazioni.

Come riportato da NBC News , i titoli Healing the Symptoms conosciuti come Autism e Fight Autism and Win non sono più disponibili sul suo marketplace.

L’accesso a uno di questi titoli diventa una “pagina non trovata” sul sito web di Amazon, ma non è chiaro se fa parte di un giro di vite sui libri che promuovono la disinformazione sulla salute. La settimana scorsa, Amazon ha tolto i documentari anti-vaccinazione da Prime Video.

La rimozione di questi libri ha seguito un rapporto Wired che ha evidenziato come il sito sia pieno di libri che promuovono trattamenti scientificamente non provati e potenzialmente pericolosi per l’autismo.

Sull’elenco di Healing the Symptoms conosciuto come autismo , l’autore Kerri Rivera proclama di essere il “massimo esperto” sull’uso del diossido di cloro per i disturbi dello spettro.

L’Autism Research Institute ha messo in guardia contro l’uso di diossido di cloro aka Miracle Mineral Solution, che condivide le proprietà con la candeggina e ha effetti collaterali dannosi.

In Fight Autism and Win, gli autori istruiscono i genitori sulla chelazione, che di solito è un trattamento per l’avvelenamento da metallo acuto, come il mercurio. Come notato dalla Mayo Clinic , la terapia chelante per l’autismo non è provata e può causare pericolosi effetti collaterali come danni renali mortali.

Nel caso in cui non l’avessi notato, la rimozione di Amazon fa parte di un’ondata di giganti tecnologici che intraprendono un’azione più forte contro la disinformazione sulla salute, speriamo che continuino in questa direzione.

Tra la pressione dell’opinione pubblica, la scorsa settimana Facebook ha deciso di rendere i contenuti anti-vaccinazione più difficili da trovare , mentre YouTube ha ritirato le pubblicità dai video che promuovevano queste teorie. A febbraio, Pinterest ha optato per bloccare completamente le ricerche sulla vaccinazione.

Direi che sia l’unico modo per evitare la diffusione di false informazioni.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Microsoft porta le app Android su Windows 10 con la nuova versione beta di mirroring dello schermo

Leggi Prossimo

Le specifiche del Moto RAZR rivelano il display da 6,2 pollici, pieghevole. Più economico di Huawei Mate X

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial