• 22 Luglio 2024

La Apple Card è lo status symbol più sottile e leggero di sempre

apple card - la carta di credito di Apple

presentata la apple card – la carta di credito di Apple

Condividi su:

La carta di credito Apple Card appena annunciata da Apple è sottile, lucente, bellissima; sembra aver preso ispirazione dalla scena più iconica di American Psycho, Patrick Bateman che indaga sul biglietto da visita del rivale banchiere di investimenti Paul Allen e che ribolle in una rabbia e in un’ansia appena contenuta. “Guarda quella sottile colorazione biancastra. Lo spessore raffinato…

Tutti noi abbiamo un po ‘di qualcosa che ci tormenta , un Patrick Bateman in noi. È quel gremlin superficiale che ci spinge a fare delle scelte sugli oggetti funzionali nelle nostre vite, basandoci sulla loro forma e sull’estetica. Perché possedere cose carine ci fa sembrare belli. Perché possedere cose esclusive ci fa apparire ricchi, e per molte persone è una misura del successo nella vita.

con questa diventi membro dell’esclusivo club dei consumatori Apple

La nuova Apple Card di Apple ha intenzione di incassare su quella base il desiderio umano di dispositivi che segnalano lo stato. Poiché è realizzata in titanio e priva di tutti i numeri funzionali, appare immediatamente diversa. Le persone intorno a te al supermercato o al ristorante non hanno bisogno di conoscere i particolari requisiti di rating del credito che dovevi passare per ottenere una Apple Card, vedono solo il logo Apple impresso e il design minimalista e riconoscono immediatamente che sei una persona con reddito disponibile. Per lo meno, hai abbastanza per comprare l’iPhone con cui sarebbe gestita una Apple Card. Sei un membro del club dei consumatori Apple.

Oppure, forse, emetti solo l’aspetto della ricchezza. Trattandosi di una carta di credito, la Apple Card è anche un simbolo della dipendenza degli Stati Uniti (e dell’Europa) dal debito, sia a livello nazionale che personale. Qualsiasi banca che emette una carta di credito si affida al ritardo o all’analfabetismo finanziario dei propri utenti per generare interessi di sfruttamento sui saldi non corrisposti.

C’è qualcosa di fondamentalmente non-Apple nel cercare di trarre profitto dalle debolezze delle persone.

Sì, Apple è sempre stata nel business degli status symbol, ma di solito vende alle persone l’auto-miglioramento, come suggerisce l’annuncio ” Better You ” Apple Watch. La stessa società che ci spinge a monitorare il tempo del nostro schermo del telefono, a fare scelte più sane e a condurre una vita migliore ora sta entrando nel complesso business del debito, incentivando la spesa, dando agli utenti il ​​cashback sui loro acquisti.

Mi piace pensare che sono finanziariamente responsabile, ma guardando quella splendida, carta bianco sporco, ho solo voglia di possederla. E il problema con le carte di credito inizia proprio nel momento in cui la ottieni . È l’apice dell’ironia che Apple, nel tentativo di digitalizzare la carta di credito e ridurla a un software in esecuzione su un iPhone, ha creato la carta di credito più desiderabile e sorprendente che abbia mai visto.

È la carta di Paul Allen del mondo bancario, e l’unica cosa che potrebbe migliorarla è se fosse una carta di debito, quindi non mi incoraggerebbe a spendere soldi che non ho.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Quello che Apple non ci ha detto sul suo servizio di streaming TV

Leggi Prossimo

I problemi di taglia contrastano la passeggiata spaziale tutta al femminile

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial