• 23 Febbraio 2024

SpaceX’s Crew Dragon si tuffa nell’Atlantico, portando a termine il suo primo cruciale volo di prova

ammaraggio-spacex

Space x

Condividi su:

Venerdì mattina, la capsula di SpaceX’s Crew Dragon è arrivata con successo nell’Oceano Atlantico, dopo aver trascorso quasi una settimana presso la Stazione Spaziale Internazionale. Il tuffo porta a conclusione il primo test di volo della navicella. Con lo splashdown, SpaceX’s Crew Dragon porta a termine il suo primo volo e dimostra che la sua capsula può sopravvivere al viaggio straziante verso lo spazio; questo significa che la compagnia ha appena compiuto un significativo passo avanti nella sua ricerca di mettere un giorno le persone sul Crew Dragon.

Il splashdown segna l’ultimo importante traguardo della missione Demonstration-1 o DM-1 di SpaceX, un volo di prova critico richiesto per il programma di equipaggio commerciale della NASA.

Questa è l’iniziativa dell’agenzia volta a mandare gli astronauti della NASA nello spazio su veicoli spaziali statunitensi privati. SpaceX ha sviluppato il Crew Dragon come nuovo veicolo passeggeri per il programma. Ma prima che il veicolo potesse trasportare persone, la NASA voleva vedere il Crew Dragon mettersi alla prova nello spazio senza nessuno a bordo. Quindi DM-1 è stato creato come un modo per la NASA di valutare le prestazioni della capsula e capire cosa deve cambiare prima che gli astronauti possano salire a bordo.

L’ULTIMO IMPORTANTE TRAGUARDO DELLA MISSIONE DM-1 DI SPACEX

Dopo molte attese e numerosi ritardi, il DM-1 è finalmente decollato questo mese, scatenando un viaggio vorticoso in orbita. Il volo è iniziato sabato quando la capsula è decollata dal Kennedy Space Center in Florida su uno dei missili Falcon 9 SpaceX alle 2:49 ET. Circa un giorno dopo, il Crew Dragon si è incontrato con la ISS e si è ancorato da solo a una porta sulla parte esterna della stazione. Tale manovra di attracco era qualcosa che SpaceX non aveva mai eseguito prima di questo fine settimana.

Sia il varo che l’attracco sono stati i principali ostacoli che SpaceX aveva bisogno di superare perché il DM-1 fosse un successo, ma forse la più grande sfida della missione si è verificata oggi quando il Crew Dragon è tornato sulla Terra.

SpaceX doveva dimostrare che la capsula poteva immergersi nell’atmosfera del nostro pianeta e arrivare all’oceano in un unico pezzo, proteggendo al contempo ogni carico.
ammaraggio-spacex
Space x

Alle 2:32 AM di questa mattina, il Crew Dragon si è sganciato dalla stazione spaziale e si è allontanato dal laboratorio, in preparazione della sua discesa sulla Terra. Poco prima di immergersi nell’atmosfera del pianeta, il veicolo ha gettato via il suo baule, una struttura cilindrica attaccata alla base della capsula che fornisce energia e controllo della temperatura durante il volo. Crew Dragon ha quindi acceso i suoi propulsori a bordo per circa 15 minuti al fine di estrarre la capsula dall’orbita. Ciò ha dato inizio alla caduta finale sulla Terra.

Il Crew Dragon si è tuffato, raggiungendo velocità superiori alla velocità del suono e vivendo un intenso riscaldamento.

C’era preoccupazione che questa parte del ritorno potesse causare il rotolamento del veicolo a causa della forma asimmetrica della capsula. Tuttavia, il Crew Dragon ha superato questa parte della discesa. Dopo questa intensa esperienza, la capsula ha poi schierato i suoi quattro paracadute principali per rallentare e poi atterrare delicatamente nell’Oceano Atlantico al largo della costa della Florida. Una barca di recupero SpaceX chiamata Go Searcher ora si incontrerà con la capsula e la isserà fuori dall’oceano per riportarla a riva.

“IL VEICOLO HA FATTO DAVVERO MEGLIO DI QUANTO CI ASPETTASSIMO.”

Anche se il Crew Dragon non aveva membri dell’equipaggio viventi a bordo, aveva un manichino intelligente di nome Ripley. Il manichino era dotato di sensori per misurare le forze e le accelerazioni che il corpo umano poteva provare quando cavalcava all’interno del Crew Dragon. La capsula ha anche trasportato circa 170kg di carico e ricerca dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Ci vorrà un po ‘di tempo prima che la NASA valuti appieno come è andato questo volo, ma i rappresentanti di SpaceX e NASA hanno concordato dopo lo sbarco che la missione si è svolta senza intoppi. “Il veicolo ha fatto davvero meglio di quanto ci aspettassimo”, ha detto Steve Stich, vice-direttore dello sviluppo del volo e operazioni per l’equipaggio commerciale, sul flusso live della NASA in seguito al lancio.

Nei prossimi mesi SpaceX eseguirà un altro volo di prova, uno progettato per provare il sistema di emergenza del Crew Dragon.

Questo è il sistema che aiuterà a salvare un equipaggio durante il volo, nel caso in cui il razzo che trasporta la capsula subisca un grave guasto. I motori incassati nella parte esterna del veicolo possono accendersi durante l’ascesa allo spazio, portando la capsula lontano da un razzo che si disintegra. SpaceX metterà alla prova questo processo durante un lancio dalla Florida, che è attualmente previsto per aprile. La compagnia utilizzerà la stessa capsula di Crew Dragon che ha appena terminato la missione di questa settimana.

Se ciò andrà bene, sarà il momento di mettere le persone sul Crew Dragon. Due astronauti della NASA, Bob Behnken e Doug Hurley, sono programmati per volare sulla capsula per la prima volta, durante il volo di prova finale del veicolo. Questa missione è prevista per il mese di luglio, anche se non è chiaro se questa data sarà valida. Tuttavia, i rappresentanti della NASA erano fiduciosi che il volo potesse avvenire nel 2019.

“Non penso che abbiamo visto davvero nulla nella missione finora – e dobbiamo fare le revisioni dei dati – che, ci impedirebbe di svolgere la missione con equipaggio alla fine di quest’anno “, ha detto Stich.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Il meizu zero (senza porte) era solo una trovata pubblicitaria?

Leggi Prossimo

Royole FlexPai è un dispositivo davvero unico

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial