• 14 Giugno 2024

Quattro falsi miti SEO a cui non devi credere più

quattro-falsi-miti-seo
Condividi su:

Se sei responsabile della gestione di un sito Web, probabilmente sei sempre alla ricerca di modi per rendere il tuo sito più bello, più veloce e più pertinente per gli utenti, in modo che sia più in alto nei risultati di ricerca organici. Tuttavia, il SEO è imprevedibile, analizziamo quattro falsi miti SEO che circolano da tempo su come raggiungere la vetta delle classifiche di ricerca organica.

Per aiutare il tuo brand ad avere successo ottimizzando il tuo sito Web per una maggiore visibilità organica, ecco la verità sui quattro falsi miti SEO più diffusi.

Falso Mito SEO n. 1 – Le sitemap automatiche migliorano il posizionamento nelle ricerche

Il compito principale della Sitemap XML è aiutare i motori di ricerca a eseguire la scansione e l’indicizzazione delle pagine di un sito Web. Ai motori di ricerca piace in particolare vedere nuove pagine aggiunte alla Sitemap, in quanto indica che il sito Web è aggiornato e può essere più pertinente per gli utenti online. La vera domanda qui è: la Sitemap XML aiuta a migliorare le classifiche di ricerca di un sito Web?

Secondo il Blog dei webmaster di Google , una sitemap XML non ha un effetto diretto sulle classifiche di un sito Web. L’invio di una Sitemap consente ai motori di ricerca come Google di conoscere tutti gli URL importanti su un sito Web. Ciò può essere particolarmente utile quando determinate pagine Web non sono facilmente individuabili dai crawler. In parole povere, una sitemap XML aumenterà il processo di scansione e scoperta di Google e potrebbe comportare una maggiore presenza e visibilità di un sito Web, ma non migliorerà automaticamente il posizionamento organico di un sito.

Falso Mito SEO n. 2 – Troppe parole chiave = cattive classifiche organiche

C’è stato un brusio nel settore SEO per anni quando si trattava di parole chiave, più precisamente, densità di parole chiave. Quante parole chiave sono troppe? Google penalizzerà il mio sito Web per l’ottimizzazione eccessiva con parole chiave?

Nonostante ciò a cui possono sfuggire molti forum e articoli online, non esiste un’opzione adatta per tutti quando si tratta di densità di parole chiave. Nel 2014 John Mueller di Google ha dichiarato:

La densità di parole chiave, in generale, è qualcosa su cui non mi concentrerei. I motori di ricerca non fanno attenzione al numero .

Alla fine della giornata, se il contenuto del tuo sito Web è naturale e utile per gli utenti, non spendere troppa energia nel tentativo di calcolare il numero perfetto di parole chiave per una pagina Web. Come sempre non ottimizzare il tuo sito per Google, fallo per gli utenti.

Falso Mito SEO n. 3 – Avere un sito Web sicuro non è così importante

Ok ragazzi. Parliamo dell’importanza di avere un sito Web sicuro ai giorni nostri. Gli hacker stanno diventando sempre più intelligenti. Gli intrusi informatici sfrutteranno ogni risorsa non protetta possibile tra il tuo sito Web e gli utenti. Solo per questo motivo, è fondamentale proteggere il tuo sito Web dotandolo di un Secure Sockets Layer (SSL) per aiutare a monitorare e trasferire i dati in modo sicuro tra due punti. In altre parole, i giorni di HTTP sono finiti ed è tempo di passare a HTTPS .

Conosciuto anche come Hypertext Transfer Protocol, HTTP è un protocollo che consente la comunicazione tra diversi sistemi sul Web. HTTPS o Hypertext Transfer Protocol Secure, utilizza un certificato SSL per creare una connessione crittografata sicura tra server e browser. Questo aiuta a proteggere le informazioni sensibili dal furto mentre vengono trasferite sul Web.

Ci sono vantaggi SEO nel rendere il tuo sito Web più sicuro, poiché una delle principali priorità di Google è assicurarsi che i loro servizi utilizzino la sicurezza leader del settore. Nel 2014, Google ha annunciato che tutti i siti Web HTTPS avrebbero ricevuto un lieve aumento del ranking rispetto a quelli che utilizzano HTTP .

Falso Mito SEO n. 4 – Google penalizzerà il tuo sito Web per i contenuti duplicati

Prima di immergerci nella controversia dei contnuti duplicati, facciamo un passo indietro e discutiamo della differenza tra svalutazioni per l’algoritmo e svalutazioni per penalità. Quando Google rilascia nuovi aggiornamenti dell’algoritmo come Penguin , Panda , Pigeon e Layout , diversi siti Web vedranno risultati diversi. Ogni volta che un algoritmo viene aggiornato, un sito può vedere svalutazioni, mentre un altro può vedere un aumento esponenziale del traffico organico.

Svalutazioni per penalità si verificano quando Google decide che il tuo sito Web viola le Linee guida per i webmaster . Quando un sito Web sembra utilizzare comportamenti ingannevoli o manipolatori per guadagnare traffico, Google potrebbe rispondere in modo negativo svalutando il posizionamento del sito nella pagina dei risultati del motore di ricerca.

Quando si tratta di duplicare un contenuto su un sito Web, l’idea sbagliata comune è che Google penalizzerà il sito. La realtà della questione è che Google non ha un filtro per il contenuto duplicato. Se su un sito Web sono presenti più pagine con lo stesso contenuto, Google deciderà semplicemente di non classificare tutte le pagine per la stessa query. I crawler sceglieranno quale pagina classificare per cosa, che può avere un impatto negativo sulle classifiche organiche.

Conclusione

Non lasciare che questi quattro falsi miti SEO (o altri) ti confondano mentre lavori per classificare al meglio il tuo sito Web per un successo organico. Google e altri motori di ricerca continuano a modificare i loro algoritmi per fornire agli utenti i risultati di ricerca più pertinenti, l’importante per i marketer dei contenuti e gli esperti SEO è rimanere aggiornati sulle ultime tendenze e sugli aggiornamenti SEO. Ma non ci sono regole magiche, bisogna pensare sempre all’utente finale, non a Google, ecco l’unica regola da seguire.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Smaltimento rifiuti fotovoltaici: sarà un problema nel futuro?

Leggi Prossimo

I 4 migliori client di posta elettronica per Windows 11

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial