• 14 Giugno 2024

FaceApp è un incubo per la privacy, ma lo è anche quasi tutto ciò che fai online

FaceApp

FaceApp

Condividi su:

L’app più usata del momento raccoglie i tuoi dati e le tue foto ma certamente non è l’unica a farlo.

Il meme che domina su ogni piattaforma social in questo periodo è un’app chiamata FaceApp , che utilizza l’intelligenza artificiale per applicare filtri sorprendentemente convincenti alle immagini delle persone. L’app ha recentemente introdotto un filtro che mostra come potresti apparire quando sarai vecchio. I risultati sono piuttosto convincenti e piuttosto divertenti. Ma, come con tutto il divertimento basato su app, il conto lo paghi in temini di informazioni personali, privacy e sicurezza.

Questa non è la prima volta che FaceApp si diffonde su Internet. L’app ha destato molta attenzione quando ha debuttato nel 2017.

Quando scarichi il programma, ti chiede l’autorizzazione per accedere alle tue foto, inviarti notifiche e attivare la videocamera. Siamo così abituati a questo processo da fare clic sui permessi un pò troppo facilmente. Non sappiamo bene come verranno utilizzate quelle foto, ma con l’app ci si diverte e vogliamo sbrigarci e provarla al più presto.

Se ti iscrivi a FaceApp rinunci alle tue informazioni personali e ai contenuti che generi tramite l’app. 

L’accettazione dei termini di servizio dell’app garantisce un uso molto liberale di qualsiasi contenuto caricato o creato. I termini contengono frasi sibilline come “commerciale” e ” sub-licenza “, il che significa che le tue immagini, insieme alle informazioni ad esse associate, potrebbero finire nelle pubblicità. Ciò non significa che la società “possegga” le tue foto, come suggerito da alcune agenzie di stampa, ma piuttosto che possono usarle per tutto ciò che vogliono.

Se questo ti suona familiare, è perché è molto simile all’accordo di altri social network. Twitter, ad esempio, dice che:

Inviando, pubblicando o visualizzando Contenuti su o attraverso i Servizi, ci concedi una licenza mondiale, non esclusiva e priva di royalty (con il diritto di sub-licenza) di utilizzare, copiare, riprodurre, elaborare, adattare, modificare, pubblicare, trasmettere, visualizzare e distribuire tali contenuti in tutti i modi o metodi di distribuzione (ora conosciuti o sviluppati successivamente).

Scommetto che non lo sapevi vero? Facebook ha una clausola simile nei suoi termini di servizio, che dice:

“… quando condividi, pubblichi o carichi contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale (come foto o video) su o in connessione con i nostri Prodotti, ci concedi un trasferimento non esclusivo, trasferibile, sub-licenziabile, esente da royalty e licenza mondiale per ospitare, utilizzare, distribuire, modificare, eseguire, copiare, eseguire pubblicamente o mostrare, tradurre e creare opere derivate dei tuoi contenuti.

Facebook lascia fuori l’aspetto “commerciale” che è un aggiornamento dall’accordo di FaceApp, ma stai ancora dando all’azienda una licenza davvero generosa, forse troppo.

 Probabilmente hai visto molti dei tuoi amici sembrare vecchi sui social media questa settimana.
Puoi ringraziare FaceApp.  credit faceapp
Probabilmente hai visto molti dei tuoi amici sembrare vecchi sui social media in questi giorni. Puoi ringraziare FaceApp.  credit faceapp

Le cose diventano più torbide ​​una volta che inizi a immergerti nelle app di Facebook, ognuna ha i suoi termini, che sono guidati da regole di piattaforma sovraordinate, ma variano molto da titolo a titolo. Quindi, se hai mai installato un’app di Facebook che ti consente di vedere cosa dirà la tua lapide o altre stupidaggini, potresti aver rinunciato a più privacy di quello che pensavi.

Ma per quanto riguarda le cose che non volevi condividere?

Quando apri per la prima volta FaceApp, puoi selezionare le immagini da caricare e condividere. L’app esegue l’elaborazione sui propri server piuttosto che sul dispositivo, quindi è necessario accettare di caricare un’immagine prima di vederla filtrata. 

Alcuni utenti hanno notato che puoi selezionare singole immagini da caricare anche se non hai affatto dato l’accesso alle tue foto. Questo sicuramente sembra nefasto, ma questa è in realtà una funzionalità iOS che ha debuttato su iOS 11. È possibile scegliere un’immagine specifica per l’app ed accedere senza garantire la visualizzazione completa del rullino fotografico e delle librerie iCloud.

Se offri ad un’app l’accesso alle tue foto, significa che può vedere tutto ciò che hai sul telefono, inclusi screenshot di informazioni personali. 

Oltre a ciò, può anche accedere ai metadati associati ai file immagine che potrebbero contenere dettagli come la localizzazione GPS di quando è stata scattata la foto. Sono molte informazioni potenziali, ma non ci sono prove che l’app stia caricando l’intero catalogo in background.

Al momento, non esiste alcuna minaccia specifica che conosciamo con FaceApp al di là di una diffidenza generale nei confronti delle aziende che raccolgono dati. Quindi, anche se è giusto sentirsi un po’ sciocchi per il download e l’uso dell’app, non è nemmeno qualcosa di cui preoccuparsi, almeno non più di quanto sia preoccupante l’uso di un qualunque social network.

Il riconoscimento facciale a che punto è?

In futuro è probabile che ci saranno sempre più app che utilizzeranno il riconoscimento facciale. Aziende come Facebook hanno la propria tecnologia di riconoscimento facciale e miliardi di foto utili per allenarlo. Tuttavia, non tutte le società hanno quel vantaggio.

Amazon, ad esempio, ha una controversa tecnologia di riconoscimento facciale chiamata Rekognition che si basa su database di immagini esterne di fonti come le forze dell’ordine. Gli stadi sportivi utilizzano il riconoscimento facciale per saperne di più sui fan che partecipano agli eventi, e il tour di Taylor Swift l’ha usato per cercare di assicurarsi che gli stalker non si presentassero in quei luoghi. 

Queste tecnologie funzionano meglio con database di riferimento molto ricchi di foto, quindi se un’azienda come FaceApp desidera vendere i propri selfies accuratamente identificati, lo potrebbe fare e trovare un acquirente non sarebbe affatto difficile.

È probabile che i tuoi dati siano già presenti in diversi database che non conosci nemmeno come i data broker e i siti di ricerca di persone . L’aggiunta di informazioni facciali a tali banche dati potrebbe renderle più preziose.

Per ora FaceApp dice che non condivide le tue informazioni con terze parti, ma in futuro?

Se si desidera che l’app rimuova i dati, è possibile richiederlo, ma il processo non è semplice e comporta l’invio di una e-mail alla società . Anche in questo caso, ciò non pregiudicherà necessariamente la licenza che hai già dato all’app per utilizzare i tuoi contenuti. Per ora, puoi continuare ad utilizzare l’app oppure eliminarla prima di darle troppe informazioni personali.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

ZxBIT il nuovo sistema d’investimento a lungo termine rende il 400% del capitale [SCAM – truffa]

Leggi Prossimo

Apple svela alcuni nuovi Emoji incluso uno che userai spesso

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial