• 22 Maggio 2024

Instagram cancella alcuni popolari hashtag no-vax

instagram contro i novax

Instagram cancella alcuni popolari hashtag anti-vaccino

Condividi su:

FACEBOOK

Instagram cancella alcuni popolari hashtag no-vax, ma altri sono ancora in crescita

A seguito di un rapporto investigativo dell’Atlantic sulla diffusione della disinformazione su Instagram, la società sembra limitare la sua piattaforma ad alcuni popolari contenuti no-vax

In un ampio rapporto su contenuti ingannevoli e teorie cospirative su Instagram, l’Atlantic ha riferito giovedì che il contenuto di no-vax è emerso sulla piattaforma attraverso hashtag di primo piano. Il rapporto segue un annuncio della casa madre di Instagram, Facebook, all’inizio di questo mese, che entrambi stavano lavorando per frenare la disinformazione dei vaccini sui loro siti.

Interrogato un portavoce della piattaforma social di photo sharing ha dichiarato che

“si sta cercando di minimizzare le raccomandazioni di questi contenuti e degli account che li pubblicano su Instagram”

come parte della sua iniziativa in corso per combattere la disinformazione su argomenti relativi alla salute.

Il portavoce ha detto che misure immediate per combattere la diffusione di informazioni fuorvianti relative specificamente ai vaccini includono hashtag bloccati come #vaccinescauseautism, #vaccinesarepoison e #vaccinescauseids.

Ad ora ci risulta che quegli hashtag sono rimasti in vita, ma ci assicurano che saranno ripuliti dalla piattaforma entro oggi.

Ma altri hashtag come #vaccineskill e #vaccinesharm, che hanno rispettivamente più di 17.000 e 4.000 post, sono ancora attivi. Semplicemente inserendo # vaccini nella barra di ricerca in-app e scorrendo verso il basso vengono restituiti innumerevoli altri hashtag no-vax.

La rimozione di alcuni hashtag anti-vaccinazione popolari arriva, circa due settimane dopo, che il VP di Facebook della Global Policy Management Monika Bickert, ha scritto in un post sul blog che la società, stava affrontando la retorica no-vax su Instagram, lavorando contro la presentazione o la raccomandazione di “contenuti che contengono informazioni errate su vaccinazioni su Instagram Explore o pagine hashtag. “

La diffusione della disinformazione sui social media non è certamente limitata a Instagram e Facebook. 

Alla fine di febbraio, YouTube ha demonetizzato i video anti-vaccino che sono riusciti a bypassare la sua politica pubblicitaria contro tali contenuti; l’azienda sta lavorando separatamente per revisionare il suo algoritmo per smettere di promuovere la disinformazione.

Inoltre, Pinterest ha semplicemente eliminato tutti i risultati di ricerca relativi ai vaccini lo scorso mese dopo aver scoperto che la maggior parte del contenuto di vaccino sulla sua piattaforma era fuorviante o falso.

Il portavoce di Instagram ha dichiarato che il suo giro di vite sulla disinformazione del vaccino sarebbe stato effettuato per un periodo di “diverse settimane”. Ma vietare una serie di hashtag legati ad alcune delle più comuni e infondate teorie del complotto anti vaxxer sarebbe stato un buon punto di partenza.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Galaxy Note 10 arrivano i dettagli di Samsung

Leggi Prossimo

L’intelligenza artificiale di facebook è stupida?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial