• 14 Giugno 2024

La geoingegneria solare è rischiosa ma non è fantascienza

immagine-Nasa-della-terra

immagine Nasa della terra

Condividi su:

La geoingegneria solare è ampiamente considerata un’attività rischiosa ma non è fantascienza.

Il concetto è un po ‘fantascientifico

usare dirigibili, aerei o altri mezzi per caricare l’atmosfera terrestre con particelle o goccioline che riflettono la luce del sole e raffreddare il pianeta

se ne è parlato come mezzo per invertire il continuo cambiamento climatico , se i nostri sforzi per tagliare le emissioni di carbonio dovessero fallire . Ma gli schemi di geoingegneria hanno un gran numero di pericoli.

Un certo numero di studi ha citato le conseguenze nefaste del disordine con l’apporto solare della Terra, incluse grosse ricadute nella produzione agricola, la probabilità di effetti collaterali negativi imprevisti e, criticamente, un ciclo idrico indebolito che potrebbe innescare cali di precipitazioni e siccità diffusa.

Eppure una ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Climate Change , riconosce questi problemi ma trova una possibile soluzione: distribuire solo specchi riflettenti nell’atmosfera per ridurre circa la metà del riscaldamento terrestre, piuttosto che affidarsi alla geoingegneria per riportare completamente la Terra al fresco , clima più mite del 19 ° secolo.

In altre parole, dare alla Terra una dose di geoingegneria solare in grado di invertire una parte significativa del riscaldamento, ma non abbastanza per alimentare gli effetti collaterali problematici.

“Volevamo chiarire se alcuni dei problemi che abbiamo riscontrato fossero il risultato di troppa geoingegneria”,

ha dichiarato Peter Irvine, ricercatore post-dottorato presso la John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences dell’Università di Harvard e autore principale dello studio.

Un’idea davvero stravagante

Nei primi anni 2000, la nozione di geoingegneria solare suonava come “un’idea davvero stravagante”, ammette Irvine. Ma questa nuova ricerca, basata su altri studi, dimostra che una simile impresa planetaria – se applicata con cautela, in modo incrementale e con un’attenta distribuzione – potrebbe non essere così inverosimile, dopo tutto.

“Sembra che, sorprendentemente, funzioni abbastanza bene”,

ha detto Irvine.

Questo non vuol dire che Irvine e il suo team di ricerca stanno promuovendo l’idea di implementare la geoingegneria sul pianeta in qualsiasi momento. Non lo sono. Piuttosto, questa ricerca è un pezzo del puzzle che alla fine può rivelare se la geoingegneria potrebbe funzionare senza scatenare danni di vasta portata al pianeta, in particolare le precipitazioni (in parte a causa della riduzione della luce solare).

“Non penso che abbia senso farlo ora”,

ha detto David Keith, ricercatore di ingegneria solare presso l’Università di Harvard e coautore dello studio.

“E se non ha senso, non dovremmo farlo”,

ha aggiunto, sottolineando che qualsiasi dispiegamento di geoingegneria sarebbe probabilmente pensabile fra due decenni.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Come clonare un sito Web WordPress: I 6 migliori plugin

Leggi Prossimo

Come creare contenuti B2B che guidano le vendite

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial