• 22 Maggio 2024

La disinformazione su Facebook ottiene molti più “Mi Piace” della verità

disinformazione su Facebook
Condividi su:

Un nuovo studio sottoposto a revisione paritaria condotto da ricercatori della New York University e dell’Université Grenoble Alpes in Francia mostra che la disinformazione su Facebook ha ottenuto un coinvolgimento sei volte maggiore rispetto alle notizie reali, riporta il Washington Post .

Lo studio ha esaminato i post delle pagine Facebook di oltre 2.500 editori di notizie tra agosto 2020 e gennaio 2021. I ricercatori hanno scoperto che le pagine che pubblicano più disinformazione ottengono regolarmente più Mi piace, condivisioni e commenti. Questo maggiore coinvolgimento è stato riscontrato in tutto lo spettro politico, ma lo studio ha rilevato che “gli editori di destra hanno una propensione molto più alta a condividere informazioni fuorvianti rispetto agli editori di altre categorie politiche”, secondo il Washington Post.

I ricercatori condivideranno lo studio nell’ambito della conferenza sulla misurazione di Internet del 2021 a novembre. Ma potrebbe essere rilasciato prima, ha detto la ricercatrice Laura Edelson.

Un portavoce di Facebook ha sottolineato al Post che lo studio esamina solo il coinvolgimento e non il “raggiungimento” – che è il termine che l’azienda usa per descrivere quante persone vedono un contenuto su Facebook, indipendentemente dal fatto che interagiscano con esso.

Facebook ha bloccato l’accesso ai dati

Tuttavia, Facebook non mette a disposizione dei ricercatori i dati sulla copertura. Invece, loro e altri che vogliono capire e quantificare il problema della disinformazione su Facebook e delle fake news , inclusi questi ricercatori, si sono spesso rivolti a uno strumento chiamato CrowdTangle, di proprietà di Facebook.

Ma ad agosto, Facebook ha interrotto l’accesso di questo gruppo di ricercatori a questi dati (così come alla libreria di annunci politici sulla piattaforma). Facebook ha affermato che continuare a fornire a ricercatori di terze parti l’accesso ai dati potrebbe violare un accordo con la Federal Trade Commission stipulato in seguito allo scandalo di Cambridge Analytica, un’affermazione che la FTC ha definito “imprecisa”.

CrowdTangle è lo strumento utilizzato dall’editorialista tecnologico del New York Times Kevin Roose per creare elenchi regolari di post che hanno ottenuto il maggior coinvolgimento su Facebook, una pratica che secondo quanto riferito ha irritato i migliori dipendenti all’interno dell’azienda , perché gli elenchi erano regolarmente dominati da pagine di destra che pubblicano molta disinformazione.

I post con più mi piace contengono fake news

Nel tentativo di reprimere le affermazioni secondo cui la disinformazione è un problema su Facebook, la società ha pubblicato un “rapporto sulla trasparenza” ad agosto che esponeva i post più visti sulla piattaforma durante il secondo trimestre dell’anno , da aprile a giugno.

Pochi giorni dopo, tuttavia, il New York Times ha rivelato che Facebook aveva prima scartato i piani per pubblicare un rapporto sul primo trimestre perché il post più visto tra gennaio e marzo era un articolo che collegava erroneamente il vaccino contro il coronavirus alla morte di un medico della Florida. un post che è stato utilizzato da molte pagine di destra per seminare dubbi sull’efficacia dei vaccini.

E voi che ne pensate? La disinformazione su Facebook ottiene davvero più Mi Piace? Perchè alle persone piace condividere notizie false?

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Il taxi elettrico volante è pronto, ha 5 posti e viaggia a 300 km/h

Leggi Prossimo

Amazon sa come ti senti e ora lavora a un dispositivo indossabile

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial