• 25 Giugno 2024

E’ una buona idea lasciare miliardi in eredità ai propri figli?

figli dei miliardari
Condividi su:

Non si tratta sempre di belle case, vacanze lussureggianti e costose educazioni. Quando i figli e le figlie di famiglie ricche ereditano le loro fortune legittime, ci sono spesso effetti collaterali drammatici. E questo sta facendo sì che molti miliardari ripensino ai miliardi lasciati in eredità ai figli

Immagina di ricevere tutto ciò che potresti desiderare da giovane. La migliore educazione, le vacanze e le case, poi ti dicono che non hai veramente bisogno di lavorare perché la tua famiglia ha un sacco di soldi, che effetto ti può fare?

Uno scenario da sogno per alcuni. Ma normalmente c’è un effetto collaterale: la ricchezza rapisce i bambini dalla motivazione. Più denaro viene dato ai bambini fin dalla giovane età, meno passione e motivazione avranno, dicono i consulenti patrimoniali.

Ogni individuo ha bisogno di uno scopo

Serve una ragione per alzarsi al mattino, viziare troppo i propri figli può avere effetti catastrofici sul loro futuro.

Aggiungi social media al mix e i problemi diventano ancora peggiori. Si pensa che la vita sia quella mostrata nelle foto degli influencer, che sembra non facciano niente dalla mattina alla sera!

Casi problematici come questi stanno causando un ripensamento completo nella pianificazione della successione tra famiglie ricche e benestanti.

Il mese scorso, il miliardario britannico, John Caudwell ha annunciato che avrebbe dato il 70% della sua ricchezza in beneficenza invece che ai suoi figli.

Saranno ancora ricchi sfondati, potranno ancora rovinare le loro vite anche col restante 30%

Questa non è una nuova idea tra miliardari. Mark Zuckerberg e sua moglie, Priscilla Chan, hanno accettato di lasciare il 99% delle loro azioni su Facebook per “far progredire il potenziale umano e promuovere l’uguaglianza per tutti i bambini nella prossima generazione”.

Mark Zuckerberg e la moglie Priscilla Chan - credit Business insider Italia
Mark Zuckerberg e la moglie Priscilla Chan – credit Business insider Italia

Zuckerberg e Chan sono entrambi firmatari della campagna Giving Pledge, in cui individui e famiglie benestanti si impegnano a donare più della metà della propria ricchezza alla filantropia o alle cause caritatevoli durante la loro vita o nel loro testamento.

Alex Shih, figlio del magnate immobiliare di Hong Kong, Wing-Ching Shih, vedrà poco della ricchezza di suo padre dopo la decisione di quest’ultimo di donare la sua intera partecipazione dell’azienda di famiglia in beneficenza.

“Personalmente lo accetto”, ha detto il trentenne Shih Bloomberg questa settimana. “Ce lo ha detto quando eravamo molto giovani e non avevamo scelta. Diceva che è meglio non condurre una vita troppo comoda da subito.”

Sarai più felice se i tuoi guadagni arrivano passo dopo passo.

Un sondaggio di un gestore patrimoniale Europeo, all’inizio di quest’anno ha rilevato che un miliardario su cinque, di età superiore ai 45 anni, non ha in programma di lasciare nulla per gli eredi.

Quasi la metà dei 1.000 intervistati ha dichiarato che lo avrebbero speso prima, e il 9% l’avrebbe lasciato in beneficenza.

Si tratta di mosse drastiche da parte dei genitori, ma se qualcosa può instillare la motivazione, allora è sicuramente la paura di rimanere senza soldi.

Questo è più efficace per i rampolli che spesso, in gioventù , non hanno mai dovuto preoccuparsi del denaro.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Come scaricare foto da Facebook [E anche video]

Leggi Prossimo

Come la Blockchain può ridurre la deforestazione, o almeno contribuire.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial