• 22 Aprile 2024

Google ha subito una sanzione di 1,5 miliardi di euro da parte dell’UE

antutrust UE contro Google

Google ha subito con una sanzione antitrust di 1,5 miliardi di euro da parte dell’Unione Europea

Condividi su:

La terza sanzione antitrust che l’Unione europea ha imposto al gigante tecnologico statunitense

Google ha subito una multa antitrust di 1,5 miliardi di euro dall’Unione Europea per contratti restrittivi imposti ai suoi clienti attraverso il suo business AdSense.

Stamattina, in una conferenza stampa, il commissario antitrust Margrethe Vestager, ha dichiarato che il gigante tecnologico ha abusato della sua posizione dominante, costringendo i clienti della sua attività AdSense a rifiutare la pubblicità dai rivali di Google. Ha detto Vestager:

“Il comportamento scorretto è durato oltre 10 anni e ha negato ad altre società la possibilità di competere nel merito e di innovare”.

La multa è la terza pena maggiore che l’UE ha imposto nei confronti del gigante tecnologico negli ultimi anni e chiude la sua ultima indagine in corso sulla società. 

Google è stata multata per 4,3 miliardi di euro lo scorso anno per aver abusato della sua posizione dominante nel mercato dei dispositivi mobili e di 2,4 miliardi di euro l’anno precedente per aver manipolato i risultati delle ricerche commerciali. Google sta attualmente facendo appello a entrambi i casi.

Con la nuova sanzione, il totale della legge antitrust dell’UE su Google ammonta ora a 8,2 miliardi di euro (9,3 miliardi di dollari).

 L’ammenda di oggi è stata inferiore rispetto alle due precedenti, dato che Google ha lavorato attivamente con la Commissione europea per modificare le sue politiche di AdSense dopo che l’UE aveva annunciato il suo caso nel 2016.

Funzionari dell’UE hanno affermato che dal 2006 in poi Google ha impedito ai clienti di AdSense di mettere visualizzare motori di ricerca concorrenti sui loro siti. AdSense consente ai clienti, inclusi rivenditori e giornali, di posizionare una casella di ricerca di Google sul proprio sito web. Quindi, quando gli utenti hanno utilizzato il motore di ricerca, Google ha mostrato loro annunci e diviso la commissione con il proprietario del sito web.

Inizialmente, i clienti AdSense non erano autorizzati a includere i motori di ricerca concorrenti e quelli di Google. Nel 2009, la società tecnologica ha permesso l’inclusione dei motori di ricerca rivali, purché la casella di ricerca di Google fosse più prominente. Quindi, nel 2016, ha rimosso completamente questi termini.

Questa scalabilità riflette la sempre minore importanza di AdSense per Google. 

Il business era una volta un dipendente stabile, ma mai una parte importante del flusso di entrate della società. Secondo Bloomberg , AdSense ha contribuito con meno del 20% del reddito della società nel 2015 e da allora ha subito un calo. 

“Se guardi ai rapporti annuali, AdSense è sempre meno rilevante”,

ha detto l’analista di Bloomberg Intelligence Aitor Ortiz.

Sebbene la sanzione di oggi porti alla fine dell’attuale trilogia di verifiche dell’UE, l’organizzazione sta ancora esaminando una serie di altre aree delle attività di Google e potrebbe aprire nuove accuse contro l’azienda in futuro.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Opera per Android viene fornito con VPN gratuita integrata

Leggi Prossimo

Nuove AirPods 2 con una migliore batteria e funzione “Hey Siri” a mani libere

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial