vsx blog

Guida alla pianificazione del marketing dei contenuti [2020]

pianificazione del content marketing

pianificazione del content marketing

Condividi su:

La maggior parte delle campagne di marketing dei contenuti che ho visto, hanno una cosa in comune: manca la pianificazione del content marketing.

Ecco alcuni consigli su come ci si può organizzare. Lo ammetto, io sono un pò maniaco del controllo. Devo pianificare e programmare tutti i mesi a venire.

La pianificazione approfondita del content marketing offre numerosi vantaggi, tra cui:

Ecco come creare un piano di content marketing in futuro:

1. Raccogli le idee per i contenuti

Qualsiasi processo di pianificazione del content marketing inizia sempre con la ricerca di parole chiave e tale ricerca non è solo finalizzata all’ottimizzazione dei motori di ricerca.

“Ricordati: c’è un essere umano che digita le query nella casella di ricerca, se la parola chiave non ti suona bene in italiano, probabilmente non va bene”

Valerio Sanna

Ciò significa che la ricerca per parole chiave consente di:

L’obiettivo finale è sempre sviluppare la fedeltà al brand, i collegamenti e, sì, la visibilità della ricerca, che generano più conversioni e vendite.

Ricerca di parole chiave tradizionale

Gli strumenti di “estensione delle parole chiave” sono di solito i primi strumenti a cui mi rivolgo per la pianificazione del content marketing. Ci sono molti ottimi strumenti di ricerca per parole chiave tra cui scegliere tra cui  SEMrush ,  Ahrefs ,  Spyfu ,  Kparser  e  Serpstat , per citarne alcuni. Tutti questi consentono di eseguire alcune ricerche gratuitamente.

Ricerca delle domande

Un altro ottimo modo per raccogliere idee utili per il contenuto è utilizzare la ricerca delle domande. È come la ricerca di parole chiave, ma si concentra solo su query interrogative. Le domande sono utilizzate moltissimo nella ricerca vocale, i dispositivi come: Siri, ok Google, Alexa, Cortana rispondono a domande e ci dobbiamo abituare a farlo anche con i contenuti.

Concetti correlati e termini vicini

Un altro modo, spesso trascurato, di raccogliere idee per il contenuto è quello di ricercare termini correlati e vicini. Non solo questo ti consentirà di trovare parole chiave più interessanti, ma questa ricerca ti spingerà ad arricchire il contenuto usando sinonimi e concetti correlati.

Text Optimizer  (ancora in beta per la lingua italiana) è lo strumento perfetto per questa fase di pianificazione del marketing dei contenuti: utilizza le SERP di Google per la query specifica, recupera i frammenti di ricerca e li analizza per identificare termini correlati e vicini.

L’idea è semplice: Google genera risultati basati su ciò che ritiene risponda meglio a ciascuna query. Quindi quei  frammenti di ricerca rappresentano il miglior riepilogo possibile per la query fornita . Ora, tutto ciò che devi fare è recuperare i dati importanti da quel riassunto per trovare altri modi per scrivere contenuti e più sinonimi da utilizzare.

2. Organizzare idee di contenuto

Dopo aver utilizzato gli strumenti di cui sopra, avrai un grande elenco di parole chiave (possibilmente centinaia). Come dare un senso a quegli elenchi di parole chiave e trasformarli in un piano di contenuti utilizzabile? Ecco due passaggi:

Ciò consentirà al tuo team di ottimizzare i loro sforzi e preparare tutti gli asset dei contenuti pianificati con largo anticipo.

Inoltre, io uso altre due etichette che aiutano nella pianificazione:

Non tutte le stagionalità sono così ovvie, quindi utilizzo  Google Trends  per individuare meglio alcune tendenze in base al periodo. Ad esempio, ho scoperto di recente che il picco di interesse per il contenuto correlato al [tennis] è a maggio, in concomitanza con gli internazionali di Roma anche se nel 2020, causa Covid, questo interesse è scemato.

3. Crea il tuo programma

Metti un piano grezzo in un foglio di calcolo

Infine, hai abbastanza dati per iniziare a lavorare sul tuo programma. Il modo più semplice per mettere le idee rapide è usare i Fogli di Google. Sono gratuiti e condivisibili col team. 

Inoltre i  fogli di lavoro possono essere utilizzati come calendari :

Nel complesso, a mio parere i fogli di calcolo offrono l’ambiente più flessibile e personalizzabile per la pianificazione del marketing dei contenuti. 

Pianifica campagne stagionali

Ogni volta che eseguo la pianificazione del content marketing, tendo a concentrarmi sui contenuti stagionali. La stagionalità guida il mio piano di marketing dei contenuti perché far parte di una tendenza è molto potente quando si tratta di visibilità e coinvolgimento degli utenti. 

Con contenuti stagionali, puoi utilizzare tutti gli hashtag di tendenza e cogliere il massimo interesse per l’argomento.

I due strumenti che utilizzo per pianificare e commercializzare in modo efficace i contenuti stagionali sono il Calendario (di Google) e Finteza:

Calendarizza tutto per lo snellimento della campagna

Puoi usare il calendario di Google (o quello che preferisci) la cosa importante è essere organizzati. Inizia ad aggiungere le tue campagne di contenuti stagionali lì:

Ora ti serve una suite di analisi che ti aiuti a mostrare in modo efficiente i contenuti stagionali sul sito, puoi usare Finteza (è gratuita) e la sua funzione “Zone pubblicitarie” è molto utile e funzionale.

Una volta pianificata la tua campagna, non devi ricordarti di aggiungere o rimuovere quei banner. Puoi pianificare le tue campagne in anticipo e assicurarti che Finteza gestirà il resto.

La bellezza della pianificazione avanzata è che ti assicuri che tutte le campagne, anche più piccole, godano dei riflettori quando è il loro momento. 

Inoltre, mostrare contenuti stagionali in aree importanti del tuo sito web migliorerà il coinvolgimento e spingerà i visitatori a rimanere “sul pezzo” (invece di limitarsi a tornare indietro), quindi potresti vedere una frequenza di rimbalzo più bassa grazie a Finteza.

Riepiloghiamo come pianificare il marketing dei contenuti

Se hai dei suggerimenti, dei consigli, o vuoi dire quali strumenti utilizzi tu per la pianificazione dei contenuti, lascia un commento qui sotto.


Condividi su:
Exit mobile version