vsx blog

Elon Musk svela i piani di Neuralink per i “collegamenti” al cervello umano

La tecnologia proposta da Neuralink

La tecnologia futura proposta che Neuralink intende realizzare, un modulo che si trova fuori dalla testa e riceve in modalità wireless le informazioni dai collegamenti incorporati nel cervello. Foto: Neuralink

Condividi su:

Neuralink di Elon Musk, la società segreta che sviluppa interfacce cervello-macchina, ha mostrato per la prima volta parte della tecnologia che è stata sviluppata per il pubblico. L’obiettivo è quello di iniziare a impiantare dispositivi in ​​esseri umani paralizzati, consentendo loro di controllare telefoni o computer.

Il primo grande passo avanti sono i “collegamenti” flessibili, che hanno meno probabilità di danneggiare il cervello rispetto ai materiali attualmente utilizzati nelle interfacce cervello-macchina. Questi collegamenti creano anche la possibilità di trasferire un volume maggiore di dati.

Il sistema dovrebbe includere fino a 3.072 elettrodi per chip distribuiti su 96 “fili” molto sottili.

I fili hanno una larghezza compresa tra 4 e 6 μm, il che li rende considerevolmente più sottili di un capello umano. Oltre a sviluppare i collegamenti, l’altro grande progresso di Neuralink è una macchina che li inserisce automaticamente.

Musk ha dato una grande presentazione della ricerca dell’azienda, anche se ha detto che non era solo per “reclutamento”, Musk, ha proposto alle persone presenti di candidarsi per lavorare lì. Anche Max Hodak, presidente di Neuralink, è salito sul palco e ha ammesso che inizialmente non era sicuro che “questa tecnologia fosse una buona idea”, ma che Musk lo ha convinto che sarebbe stato possibile.

Elon Musk ha detto che il motivo principale della presentazione è stato il reclutamento di Neuralink 

In futuro, gli scienziati di Neuralink sperano di usare un raggio laser per attraversare il cranio, piuttosto che scavare buchi, hanno detto in un’intervista al The New York Times.Primi esperimenti saranno condotti con neuroscienziati alla Stanford University, secondo quel rapporto. 

Speriamo di avere questo in un paziente umano entro la fine del prossimo anno

ha detto Musk.

Durante una sessione di domande e risposte alla fine della presentazione, Musk ha rivelato risultati che il resto della squadra non aveva previsto:

Una scimmia è stata in grado di controllare il puntatore di un computer con il cervello

Non sarà all’improvviso avremo questo “accesso” neurale e inizieremo a “gestire” il cervello delle persone, ha detto Musk. 

In fin dei conti si vuole ottenere una simbiosi con l’intelligenza artificiale.

L’azienda vuole creare una tecnologia che permetta una “fusione con l’intelligenza artificiale”.

abbiamo un cervello in una vasca, e quella vasca è il nostro cranio

La prima persona con paralisi del midollo spinale a ricevere un impianto cerebrale che gli permetteva di controllare un cursore del computer è stato Matthew Nagle. 

Nel 2006, Nagle suonava usando solo la sua mente; il movimento di base gli ha richiesto solo quattro giorni per essere padroneggiato, ha dichiarato al New York Times . Da allora, le persone paralizzate con impianti cerebrali hanno messo a fuoco anche gli oggetti e hanno spostato le braccia robotiche nei laboratori, come parte della ricerca scientifica. 

Il sistema utilizzato da Nagle e altri è chiamato BrainGate ed è stato sviluppato inizialmente presso la Brown University.

Neuralink non è venuto fuori dal nulla, c’è una lunga storia di ricerca accademica qui

ha detto Hodak alla presentazione. “Stiamo ostruendo sulle spalle di giganti”. Tuttavia, nessuna delle tecnologie esistenti si adatta all’obiettivo di Neuralink che è quello di leggere direttamente le punte neurali in modo non invasivo.

Il sistema di Neuralink incorporato in un ratto da laboratorio.
 Immagine: Neuralink

Il sistema, se funzionasse, potrebbe rappresentare un notevole progresso rispetto alla tecnologia precedente. 

BrainGate ha fatto affidamento su Utah Array , una serie di aghi rigidi che consentono fino a 128 canali di elettrodi. Non solo sono meno numerosi dei canali del sistema di Musk, il che significa che vengono prelevati meno dati dal cervello ma sono anche più rigidi e invasivi dei collegamenti “flessibili” ideati dall’azienda. 

Questo è un problema per la funzionalità a lungo termine: il cervello si sposta nel cranio ma gli aghi dell’array non lo fanno, causando danni. I polimeri sottili che l’azienda sta usando potrebbero risolvere questo problema.

La dimensione dei fili, attaccata a un polpastrello per la scala.
 Immagine: Neuralink

Tuttavia, la tecnologia di Neuralink è più difficile da impiantare rispetto alla Utah Array, proprio perché è così flessibile. Per combattere questo problema, l’azienda ha sviluppato un robot neurochirurgico in grado di inserire sei fili (192 elettrodi) al minuto “automaticamente”. 

Nella foto, sembra qualcosa come un incrocio tra un microscopio e una macchina da cucire. Sa evitare anche i vasi sanguigni, che possono portare ad una minore risposta infiammatoria nel cervello.

La macchina di Neuralink per inserire i fili.
 Immagine: Neuralink

Per Musk, il problema centrale per interagire con l’intelligenza artificiale è in realtà la “larghezza di banda“.

Quindi, il suo obiettivo è che questo sistema consenta agli esseri umani di comunicare più rapidamente con le macchine direttamente dal loro cervello.

Infine, Neuralink ha sviluppato un chip personalizzato che è in grado di leggere, pulire e amplificare i segnali dal cervello. Al momento, può solo trasmettere dati tramite una connessione cablata (utilizza USB-C), ma in definitiva l’obiettivo è creare un sistema che possa funzionare in modalità wireless.

Sensore N! neuralink – immagine Neuralink

Questo obiettivo wireless sarà incarnato in un prodotto che Neuralink chiama “sensore N1“, progettato per essere incorporato all’interno di un corpo umano e trasmettere i suoi dati in modalità wireless. Può leggere meno neuroni rispetto all’attuale prototipo basato su USB. 

L’azienda intende impiantare quattro di questi sensori, tre nelle aree motorie e uno in un’area somatosensoriale. Si collegherà in modalità wireless a un dispositivo esterno montato dietro l’orecchio, che conterrà l’unica batteria

Sarà controllato tramite un’app per iPhone

ha affermato Hodak.

App di controllo Neuralink

Manca ancora la standardizzazione dell’intero “processo medico”, la sicurezza è un obiettivo primario, e alla fine dev’essere qualcosa di più simile ad un intervento chirurgico, compresa la necessità di eliminare l’anestesia generale.

Il chip che amplifica i segnali e li invia a un computer.
 Immagine: Neuralink

Al momento, però, la società sta ancora lavorando nei ratti per assicurarsi che la piattaforma sia stabile. Ma la tecnologia, se funziona, è promettente: una connessione col cervello “a banda larga”, impiantata tramite chirurgia robotica. 

La connessione fatta usando “fili” flessibili consentirebbe la registrazione di molte attività dei neuroni. La speranza è che i risultati siano migliori e più precisi dei precedenti tentativi di interfacce cervello-macchina.

Condividi su:
Exit mobile version